Formiche: come combatterle con i rimedi naturali

La primavera sta tornando e con essa le formiche. Per chi ha un orto, in giardino o anche su un terrazzo, questi insetti possono essere un problema. Infatti le formiche, sopratutto se si sceglie di seminare direttamente nel terreno, possono portare via i semi e vanificare quasi del tutto la semina. Non solo: vanno – non direttamente – a intaccare la produzione degli ortaggi, perché trasportano parassiti, in particolare gli afidi, i pidocchi delle piante che danneggiano i frutti e la pianta stessa. Attenzione però: le formiche, come tutti gli altri insetti, vanno a creare problemi quando sono numerose, per cui se si avvistano un paio di formiche sulle piante non vale la pena allarmarsi o affrettarsi a debellarle. Se tuttavia aumentano, il consiglio è quello di utilizzare dei trattamenti biologici – o rimedi naturali – , che non vadano ad alterare l’equilibrio della piante e del terreno.

Le spezie

via pexels.com

Un primo modo per allontanare – ma non debellare – le formiche è quello di circondare gli ortaggi sotto attacco con delle spezie, in particolare con il peperoncino macinato e la paprika macinata. Infatti queste spezie infastidiscono le formiche e le dissuadono dal tornare sulle piante. Un’attenzione: quando si annaffia l’orto oppure se piove, il trattamento va ripetuto.

Il mais

via pexels.com

Un altro metodo è quello di utilizzare una pastella di mais, di cui le formiche sono molto ghiotte, che si realizza semplicemente mescolando della farina di mais con l’acqua. La pastella deve risultare piuttosto solida, di modo da riuscire a farne con le mani delle palline, che poi vanno messe vicino all’ingresso del formicaio. Le formiche porteranno questa poltiglia di mais dentro il formicaio e se ne nutriranno, cosa che per loro è fatale: infatti il mais si gonfia nello stomaco dell’insetto e così lo uccide. In questo video ci sono i dettagli:

Il caffè

via pexels.com

Con i fondi del caffè oppure con gli stessi chicchi di possono circondare le piante, di modo da creare una linea che le formiche non andranno a superare perché l’odore del caffè le infastidisce. Chiaramente, con questo rimedio naturale non si vanno a debellare le formiche, ma solo ad allontanarle.

La menta

via pexels.com

La menta è un’erba aromatica che infastidisce le formiche, per cui si può produrre un semplice macerato di menta, da spruzzare direttamente sulle piante oppure da versare sul terreno, meglio sul percorso che le formiche compiono dal formicaio per raggiungere l’orto. Per preparare il macerato basta lasciare le foglie di menta in acqua – circa 100 gr di foglie per un litro di acqua – per due settimane circa, andando a mescolare ogni paio di giorni. Terminato questo periodo, il macerato avrà un odore piuttosto persistente.

Lo zucchero a velo e il bicarbonato

via pexels.com

Mescolando lo zucchero a velo con il bicarbonato in parti uguali si va a creare una miscela di cui le formiche vanno golose, ma che, come per la poltiglia di mais, risulta tossica. Infatti il bicarbonato va ad uccidere le formiche che lo hanno mangiato. Il consiglio è quello di cospargere il miscuglio intorno al formicaio, così che le formiche lo trasportino sin dentro la colonia. Un’accortezza: in caso di pioggia la distribuzione della miscela va ripetuta.

L’acqua bollente

via pexels.com

Si tratta di un metodo piuttosto brutale e che è consigliabile solo quando l’ingresso del formicaio è lontano dall’orto e dalle piante, però si può rovesciare dell’acqua bollente direttamente sul formicaio, andando così a uccidere le formiche.

mattthefarmer

Ciao sono Matt, un amante della natura, dell'orto e giardinaggio. Qualche anno fa ho preso un terreno abbandonato trasformandolo nella mia piccola fattoria personale dove allevo galline, coltivo ortaggi e frutta. Racconto tutta la mia storia sui social: quotidianamente sono Instagram e Facebook e due volte a settimana su Youtube. Sei anche tu un Farmer? Entra a far parte dei nostri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *